Plumcake alla ricotta, panna e miele

Felice e serena giornata a tutti. Oggi è la ricorrenza di Santa Chiara d’Assisi, una santa a cui sono molto devota per la spiritualità che gli appartiene. Tempo fa ero in Santa Maria degli Angeli alla Porziuncola (chi conosce questo posto lo porta dentro al cuore per sempre) e li ho fatto le mie preghiere più importanti di tutta la mia vita, ho conosciuto e incontrato persone stupende che cercavano la strada vocazionale, che erano li per scegliere per chiedere al Signore di fargli comprendere la chiamata. Ho imparato cosa significa Ascolto, quello vero e ho fatto esperienze bellissime anche di condivisione di sentimenti e pensieri. Stupendo! Oggi me ne ricordo e voglio immortalare questa pagina di ricordi del mio blog con questo dolce che mi riporta al sapore della colazione comunitaria. Le amiche suore ci consigliavano di far partire la giornata con un carico di energia perché la preghiera ne richiede molta. Allora spesso prendevo il loro pane fatto in casa e la ricotta e lo riempivo di miele! Poi continuavo a sorgeggiare il mio latte con l ‘avena dentro e terminavo felice la mia colazione con la frutta fresca.
Se avete voglia di un cake morbido, umido, semplice e gustoso fatelo e non ve ne pentirete.

Ingredienti:
250 gr di farina di riso
80 gr di ricotta vaccina
100 gr di panna vegetale
80 gr di zucchero di canna
5 cucchiai di olio di oliva
3 cucchiai di miele
50 gr di uova
Una bustina di lievito per dolci
Per la decorazione: miele e fiocchi d’avena (da omettere se si vuole un prodotto gluten free)

mescolare insieme gli ingredienti e mettere in uno stampo da plumcake alla temperatura di 180 gradi in foro preriscaldato.

Preparatelo la sera prima, cosi si raffredda e rapprende bene e lo potrete gustare a colazione il giorno dopo! 😉

Buona domenica e auguri a tutte le Chiara!<3

Un pensiero su “Plumcake alla ricotta, panna e miele

  1. Ottima ricetta, la terrò presente per le nostre colazioni, ovviamente controllando bene gli ingredienti….hem, la farina di riso è da tenere sotto controllo, così come la panna vegetale, e il lievito che devono recare claim gluten free in base alle regole UE, o essere in prontuario. Per quel che riguarda l’avena, sfortunatamente in Italia ancora non è considerata utilizzabile. Sarebbe opportuno a mio avviso, aggiungere un appunto sui prodotti sicuri gf, per non mandare in confusione involontaria 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...